Home > Razon social casino buenos aires

Razon social casino buenos aires

Razon social casino buenos aires

È questo il caso delle leggi civili in materia di aborto e di eutanasia Analogamente, devono essere salvaguardate la tutela e la promozione della famiglia, fondata sul matrimonio monogamico tra persone di sesso diverso …. Fra questi ultimi, oggi emergono particolarmente i seguenti: Papa Francesco: Antonio Spadaro, poi rilanciata da tutte le riviste gesuite del mondo nei rispettivi idiomi — quanto segue: Questo non è possibile.

Io non ho parlato molto di queste cose, e questo mi è stato rimproverato. Ma quando se ne parla, bisogna parlarne in un contesto. Una pastorale missionaria non è ossessionata dalla trasmissione disarticolata di una moltitudine di dottrine da imporre con insistenza. E anche nella sua prima https: È stato sempre considerato il dito più importante della mano. Interviene tanto nelle pressioni di forza, quanto nelle prese di precisione.

È un elemento primordiale nelle pressioni fini, policidigitali. È poco importante dal punto di vista funzionale quando è distale, eccetto per la scrittura e per la prensione multipolpare sferica, ma è molto scomodo se è prossimo, visto che provoca la fuga degli oggetti piccoli. È essenziale in tutte le prensioni di forza. È impossibile utilizzare un martello senza bloccare lo strumento con le ultime due dita. Delprat, S. Ehrler, M. Romain, J. Ecco alcuni esempi. Vicinanza con i promotori della demolizione dei valori non negoziabili Innumerevoli sono state le dimostrazioni di vicinanza e simpatia umana, persino di elogi, di Papa Francesco nei confronti di Marco Pan8.

O lo relativizzano come se ci fossero altre cose più importanti o come se interessasse solo una determinata etica o una ragione che essi difendono. Che dica cose. Ecco la sua storia https: Ad esempio, di recente si è opposta al Vaticano per la decisione della Chiesa cattolica contro la sperimentazione sulle cosiddette cellule staminali che darebbero speranza di guarigione a persone affette da diverse patologie , manifestando davanti a S.

Vero, ma pazienza. Certamente ispirato dai gesti di Papa Francesco in favore di Emma Bonino, il cardinale arcivescovo di Napoli Crescenzio Sepe le ha aperto le porte dello storico santuario di Capodimonte per un comizio politico previo alle elezioni parlamentari del Il prof. Thomas Jansen, ha dichiarato: Al suo posto è stato nominato mons. Sono stati invece confermati la professoressa Katarina Leblanc, dohttps: In realtà, è esattamente il contrario: Sono le istituzioni pubbliche, i tribunali, a decidere se un bambino ha o non ha il diritto di vivere.

Anche contro la volontà dei genitori. Vincenzo Paglia, si schierava apertamente dalla parte dei medici inglesi che avevano conhttps: Dopo mesi di disputa dei genitori il padre e il piccolo peraltro sono cattolici contro un ospedale di Liverpool, una sentenza giudiziaria del 20 febbraio ha autorizzato i medici a sospendere la ventilazione e la nutrizione del bambino, sulla base delle parole di Papa Francesco. Dopo il rifiuto del ricorso presentato dai genitori davanti alla Corte Europea dei Diritti Umani, il padre di Alfie ha dichiarato: Imploriamo papa Francesco di intervenire.

Il 4 aprile Papa Francesco ha rotto il silenzio sul caso di Alfie Evans con un tweet. Il 13 aprile ne ha parlato 44 In concomitanza con gli interventi del Papa anche mons. Paglia si è pronunciato a difesa della vita di Alfie. Tuttavia, occorre notare che i pronunciamenti del papa e di mons. E ad ogni modo, purtroppo non sono serviti a salvare la vita del bambino. Il Papa non si immischia nella politica italiana. Nella prima riunione che ho avuto con i Vescovi [italiani], nel maggio , una delle tre cose che ho detto: E quello che penso io è quello che pensa la Chiesa, e che ha detto in tante occasioni. Perché questo non è il primo Paese che fa questa esperienza: Questa immagine provoca un effetto disastroso nelle fila dei cattolici e soprattutto fra i militanti delle cause provita e pro-famiglia.

Tuttavia, i movimenti marxisti ed i regimi di sinistra di tutto il mondo vedono in Papa Francesco un punto di riferimento. Semplice manovra politica3 o le posizioni del Papa sono realmente vicine al comunismo? Questo il dilemma. Propensione a simpatizzare col comunismo Eugenio Scalfari, ateo dichiarato e fondatore del quotidiano laicista La Repubblica, ha avuto col Papa alcuni incontri, di cui egli ha poi riferito in articoli che hanno causato scalpore. Il giornalista ha affermato di non aver registrato, ma soltanto annotato tali conversazioni4. Questo, come Lei sa, è il programma del socialismo marxiano e poi del comunismo. Lei pensa dunque una società del tipo marxiano? Cristo ha parlato di una società dove i poveri, i deboli, gli esclusi, siano loro a decidere.

A una giornalista de Il Messaggero che gli ha chiesto: Si ritrova in questi panni? La bandiera dei poveri è cristiana. La povertà è al centro del Vangelo. I poveri sono al centro del Vangelo. Prendiamo Matteo I comunisti dicono che tutto questo è comunista. Allora quando parlano si potrebbe dire loro: Questa è una bandiera del Vangelo, non del comunismo. È la povertà senza ideologia Basta leggere il Vangelo. I comunisti sono i cristiani.

Sono stati gli altri a rubarci la bandiera! Pape François, rencontres avec Dominique Wolton, ed. A sua volta, nel libro Conversaciones con Jorge Bergoglio, di Sergio Rubin e Francesca Ambrogetti, il Papa, parlando della sua giovinezza, ha dichiarato: Ce ne fu una che mi ha insegnato a pensare la realtà politica. Lei era comunista. Mi dava libri, tutti comunisti, ma mi ha insegnato a pensare la politica. Devo tanto a quella donna. Devo molto a questa donna, perché è la donna che mi ha insegnato a pensare. Conversaciones con Jorge Bergoglio, p. Ad un bambino della Fabbrica della Pace che gli ha chiesto: Ma questo non è un diritto!

Tutti abbiamo gli stessi diritti! Quando non si vede questo, quella società è ingiusta. E ancora: È ritenuto il più grande teologo argentino vivente. La preferenza per la Teologia del Popolo argentina ha portato Papa Francesco a riabilitare il fondatore della sua matrice, ovvero la Teologia della Liberazione, il sacerdote Gustavo Gutiérrez, ricevuto in Vaticano in udienza privata appena sei mesi dopo la sua elezione Egli ha anche scritto di proprio pugno una prefazione al libro Povera per i poveri. La missione della Chiesa, scritto dal cardinale Gerhard Müller, allievo di padre Gutiérrez, il quale contiene un contributo del teologo della liberazione.

In occasione della sua presentazione, p. Andare col popolo di Dio e fare teologia della cultura. Egli mi ha fatto comprendere una cosa: È una parola mitica. Per comprendere il popolo, comprendere quali sono i valori di questo popolo, bisogna entrare nello spirito, nel cuore, nel lavoro, nella storia e nel mito della sua tradizione. Commentando questo passaggio, il vaticanista Sandro Magister aggiunge un dato interessante: In realtà, detta piattaforma è stata il risultato pratico di un seminario organizzato a Roma il 5 dicembre dalla Pontificia Accademia delle Scienze, guidata da mons.

Nel , il leader del MST giunse a dichiarare: Il primo si è tenuto nello stesso Vaticano, dal 27 al 29 ottobre Il secondo Incontro ha avuto luogo a Santa Cruz de la Sierra, in Bolivia, fra il 7 e il 9 luglio , in occasione della visita apostolica di Papa Francesco nel suddetto Paese e che ha visto come punto culminante un lungo discorso del pontefice.

Dichiarazioni finali più moderate per far passare un messaggio radicale Alla fine degli Incontri, è stata sempre approvata una dichiarazione leggermente più moderata. Seguono alcuni esempi. Questi continuano giustificando un sistema cahttp: E, con una retorica che nessun marxista rifiuterebbe, ha concluso: Anche Papa Francesco sembra non disprezzare questo tipo di retorica. Nelle allocuzioni indirizzate ai partecipanti di ciascuno degli Incontri dei Movimenti Popolari, infatti, ha rinnovato gli appelli per mutare radicalmente le strutture socio-economiche attuali, basate sulla proprietà privata e la libera iniziativa, nonostante i loro aspetti condannabili non provengano da queste ultime ma solo da determinati eccessi.

Nel primo Incontro, il pontefice ha detto di voler accompagnare i parhttp: Dopo lo svolgimento di questi tre Incontri, Stédile ben potrebbe dire: La direttrice ha dichiarato il motivo al giornale dei vescovi, Avvenire: Come non dare ragione al Wall Street Journal, che il 22 dicembre ha pubblicato un articolo, a firma di Francis X. Rocca, dal titolo: Questa si percepisce facilmente anche nella condotta tenuta durante le sue visite in America Latina, davanti ai vari governi controllati dalla sinistra.

Il Papa ha tentato di giustificarsi dicendo: Sembra che la benevolenza del suo entourage verso il regime cubano è arrivata al punto di non avvertire il Pontefice che 50 dissidenti erano stati arrestati dalla polizia per la loro volontà di incontrare il Papa. Il fatto è che in questa stessa intervista, interrogato al riguardo, ha risposto: E ha aggiunto: Un rapporto della Società Interamericana della Stampa, pubblicato meno di due settimane dopo questa visita, ha confermato la gravità della situazione a Cuba, denunciando la prosecuzione dei metodi repressivi e della mancanza di libertà persino durante la permanenza del Papa.

Ma la posizione del Vaticano è cambiata, nonostante sotto Maduro la situazione economico-sociale sia peggiorata, specialmente dopo che la miseria e le proteste si sono estese a tutto il territorio. Da febbraio ad oggi ci sono state continuamente proteste massive 50 Tuttavia, meno di tre mesi dopo, un noto analista argentino di affari iberoamericani, Andrés Oppenheimer, ha scritto nella sua colonna su El Nuevo Herald di Miami: E ha concluso: La paziente benevolenza del Vaticano con il regime totalitario di Maduro ha avuto il suo climax durante la Settimana Santa del , quando https: Non ha dato risultato perché le proposte non erano accettate: E so che ora stanno insistendo Credo che sia necessario cominciare da subito con condizioni; condizioni molto chiare.

Questo equilibrismo fra governo e opposizione ha fatto reagire Alberto Ruiz-Gallardón, ex-ministro della Giustizia spagnolo: I vescovi venezuelani sono stati degli eroi davanti al tiranno. Il 5 maggio è stata pubblicata una nota di tutti i vescovi del Venezuela in cui si diceva: Tuttavia, in quello stesso giorno, il https: Più tardi, dopo un incontro col Papa durante la sua visita in Colombia, il cardinale Jorge Urosa, arcivescovo di Caracas, ha dichiarato alla stampa: Il gohttp: Anche il giornale Clarín di Buenos Aires ha pubblicato un articolo titolato: Tuttavia, nella conferenza stampa del volo di ritorno dalla Colombia, alla domanda se non sarebbe possibile usare un linguaggio più forte e chiaro nei confronti del presidente Maduro, che afferma stare dalla parte di Papa Francesco, il pontefice ha risposto: Quello che dice il Presidente Maduro, che lo spieghi lui: Non ci sono favelas, non ci sono droghe, i giovani non si drogano [ Già anteriormente, in un altro viaggio per una conferenza sui trapianti di organi la Cina è segnalata come la più grande trafficante di organi della terra , aveva dichiarato al giornale Global Times, giornale controllato dal Partito Comunista cinese: Questa simpatia porta il Vaticano a cercare di ristabilire relazioni con il regime comunista cinese che gli tende la mano mentre perseguita duramente la Chiesa Cattolica clandestina, proponendo un accordo pratico http: A questo eventuale accordo, contrario alla dottrina cattolica e ai diritti del Papato in quanto implica il riconoscimento della Chiesa patriottica i cui statuti sono formalmente scismatici, il cardinale Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong, ha opposto un fermo rifiuto e ha lanciato un appello alla resistenza.

In una intervista a LifeSiteNews, nel febbraio , il cardinale Zen ha dichiarato: Lui non conosce i comunisti. Ma purtroppo le persone che gli stanno attorno non sono per nulla buone. Hanno idee molto sbagliate. E ho paura che possano vendere a basso prezzo la nostra Chiesa clandestina. Papa Francesco ha bisogno di qualcuno che calmi il suo entusiasmo. Egli è molto soave, ma io non ho nessuna fiducia in questa persona. Comunque, una Chiesa scismatica conosciuta è un male minore di un Chiesa oggettivamente scismatica ma benedetta di fatto dal Papa con un accordo. Invitare il nostro clero fedele alla Santa Sede a venire allo scoperto in base a un cattivo accordo significherebbe imporre loro di accettare il controllo del governo.

In un video diffuso il 14 dello stesso mese dal sito della rivista Polonia Christiana, il cardinale Zen ha aggiunto, parlando dei vescovi della Chiesa patriottica: Esiste solo di nome. In realtà, non ci sono mai discussioni, riunioni. Si riuniscono quando sono convocati dal governo. Il governo dà istruzioni. Loro obbediscono. Uno dei vescovi ha chiesto al cardinale Zen di portare una lettera persohttp: Due giorni dopo, il cardinale ha avuto un incontro personale col papa, il 29 gennaio.

Il cardinale Zen ha rivelato sul suo blog aspetti fino ad allora confidenziali del suo incontro col Pontefice. Nello stesso post, il cardinale Zen ha approfittato per fornire alcune precisazioni fra le quali le seguenti: Per i loro complici? Premiare i traditori? Castigare i fedeli? Forzare un vescovo legittimo a cedere la carica ad uno scomunicato? Non è piuttosto questo che mette sale nelle ferite? Ora ci tocca morire per mano del nostro Padre. Altri temi, al contrario, vengono lasciati al giudizio della coscienza ben formata dei fedeli. E invita i fedeli a impegnarsi prioritariamente in queste cause, anziché in quelle su cui i cattolici dovrebbero parlare ad una sola voce, come la difesa della vita.

Non solo. Questo è il peccato nostro: Gli ho consigliato e gli ho inviato cose che ho scritto… Di modo che il Papa mi ha detto direttamente: Mi ha detto: E, riguardo alla sporcizia, la reCfr. Steven W. Fr James V. Evidentemente questi elogi non ignorano i conflitti fra dette popolazioni ed autorità nazionali in diverse parti del mondo, a proposito di progetti idroelettrici o estrattivi di minerali nelle terre indigene. Francesco ha avuto altri incontri con i popoli aborigeni nel suo viaggio di gennaio in Cile e Perù.

E risuonano le parole del Signore a Mosè: Voi siete memoria viva della missione che Dio ha affidato a tutti noi: Una domanda si impone: Plinio Corrêa de Oliveira Questa politica lo porta anche a una estrema prudenza nel denunciare il carattere religioso delle persecuzioni ai cristiani perpetrate nei Paesi a maggioranza musulmana. Due condizioni essenziali fissate dal suo predecessore, Pio XII, 1 2. Edizioni Presses de la Renaissance, Parigi, gennaio Ma sotto papa Francesco lo slittamento è andato molto oltre, facendo delle sue visite a Lampedusa e a Lesbo e delle sue arringhe in favore degli immigrati uno dei punti alti del suo pontificato.

Nel libro-intervista con Dominique Wolton, egli dà una dimensione teologica al fenomeno migratorio: Laurent Dandrieu, op. Piccolo Bambino di Betlemme, ti chiediamo che Primato del diritto di immigrare sulla sicurezza nazionale Alla vigilia della riunione del G20 ad Amburgo, nel luglio , Papa Francesco ha invitato Eugenio Scalfari per un colloquio a Santa Marta, in cui gli avrebbe espresso la sua preoccupazione per le alleanze tra le grandi potenze.

Secondo il resoconto del giornalista, alla domanda di quale sarebbe la minaccia, il Papa avrebbe riposto: Ecco perché il G20 mi preoccupa: La dichiarazione ha http: Per mons. E per il filosofo Stefano Fontana questa intrusione non rispetta la legittima autonomia dello Stato nella sfera temporale Nelle conversazioni con Dominique Wolton, il Papa ha affermato, rispetto alla cultura europea: Ci sono tutte le nostre capacità. Queste capacità di integrare, di ricevere gli altri. E nel ricevere il premio Carlo Magno ha dichiarato: Ma subito dopo ha aggiunto, ottimista: Aizzate da questa pretesa egemonica, le comunità immigrate che dominano le periferie urbane delle grandi città si sono trasformate in vivai salafiti di radicalizzazione dei più giovani, continuamente attratti dalla Da Jan Amos Komensky sec.

Laurent Dandrieu, Èglise et immigration, p. Sono violenti cattolici… Se io parlassi di violenza islamica, dovrei parlare anche di violenza cattolica. Non tutti gli islamici sono violenti; non tutti i cattolici sono violenti. Una cosa è vera: Noi ne abbiamo. Questo non è giusto e non è vero! Islam, uno strumento di salvezza? Peggio ancora. Rivolgendosi agli immigrati, alla fine della sua visita alla parrocchia di Castro Pretorio a Roma, il 19 gennaio , ha detto loro: Quelli che siete cristiani con la Bibbia, quelli che siete musulmani con il Corano, con la fede che avete ricevuto dai vostri padri, sempre vi aiuterà ad andare avanti.

Condividere anche la propria fede. Uno solo è Dio, lo stesso. Sarebbe falso affermare che le sue parole mettono in questione la rilevanza della scelta che abbiamo fatto anche a rischio delle nostre vite? Non trova preoccupante che proprio il Papa sembri proporre il Corano come una forma di salvezza? Il culmine di questa percezione di abbandono è stato raggiunto in occasione del fulmineo attacco dello Stato Islamico nella piana di Ninive, che ha costretto duecentomila cristiani e altre minoranze ad abbandonare i loro villaggi.

Qual è la ragione di questa reticenza? So molte cose sulle persecuzioni http: Ossia, dalle stesse labbra di Francesco si viene a sapere che la sua discrezione nel trattare le persecuzioni ai cristiani ha come obiettivo non offendere le autorità dei Paesi musulmani. Per molto tempo ha destato stupore il comportamento di estrema cautela di Papa Francesco per aver evitato di esprimersi con vigore davanti al drammatico caso di Asia Bibi, madre cattolica condannata a morte in Pakistan per una supposta blasfemia contro Maometto, mai proferita.

Di fatto, per un lungo periodo il pontefice non ha mai pronunciato il suo nome, nonostante le numerose richieste rivoltegli. In questo incontro era presente anche una delle molte allieve nigeriane rapite dal movimento islamista Boko Haram, una tragedia che ha commosso il mondo intero e alla quale il Papa si è riferito solo con un tweet. Questo non è stato un caso isolato. Non ha detto nulla neppure quando la giovane madre sudanese Meriam Yahia Ibrahim era in carcere con i figlioletti, condannata a morte per il mero fatto di essere cristiana, e ricevendola solo dopo essere stata liberata grazie alle pressioni interhttp: È la stessa linea che egli ha adottato con il mondo musulmano: Hamel e gli attacchi terroristi in Germania ha dichiarato: E dopo le stragi in Egitto della Pasqua, interhttp: Samir ha risposto: Non è vero.

Boulad ha detto: Io non accuso solo i terroristi, né il terrorismo. Non accuso unicamente la Fratellanza Musulmana né la miriade di gruppuscoli che gravita intorno a quella confraternita jihadista, violenta e totalitaria. Dopo oltre cinquanhttp: Indifferentismo religioso, relativismo filosofico, evoluzionismo teologico Uno dei segni più eloquenti del cambiamento di paradigma del pontificato di Papa Francesco è il primato della prassi1 sul tradizionale primato della dottrina: Il Papa mette da parte i temi teologici a beneficio della pastorale. In questa maniera, si abbraccia un certo evoluzionismo teologico: Espressione di origine greca, ricorrente nel campo della filosofia e delle scienze politiche, viene usata per descrivere il processo per cui una teoria, un insegnamento o una attitudine possono essere applicate o corporificate.

Nelle correnti immanentiste ed evoluzioniste, come il marxismo, si difende il primato della prassi sulla teoria, ritenuta incapace di accompagnare la continua trasformazione della realtà. In esso un buddista, un ebreo, un sacerdote cattolico e un musulmano dicono a turno: E nel libro intervista con Dominique Wolton, ha aggiunto: Ma il maestro delle opposizioni, delle tensioni bipolari come diciamo noi, è [Romano] Guardini, che ci insegna questo cammino di unità nella diversità.

Cosa succede oggi con i fondamentalisti? I fondamentalisti si chiudono nella loro identità e non vogliono sentire altro. Vai in Africa, dove ci sono tanti missionari. Essi consumano la loro vita là. E fanno delle vere rivoluzioni. Le diverse membra, infatti, formano un solo corpo. Francesco aveva evocato anteriormente questa stessa idea che i cattolici e i luterani già erano uniti nel corso della sua visita alla chiesa evangelica-luterana di Roma.

E se abbiamo lo stesso Battesimo dobbiamo camminare insieme. Quando voi pregate insieme, quel Battesimo cresce, diventa forte; quando voi insegnate ai vostri figli chi è Gesù, perché è venuto Gesù, cosa ci ha fatto Gesù, fate lo stesso, sia in lingua luterana che in lingua cattolica, ma è lo stesso. La domanda: Alla sua domanda Le rispondo soltanto con una domanda: È un problema a cui ognuno deve rispondere. La vita è più grande delle spiegazioni e interpretazioni. Sempre fate riferimento al Battesimo: Un Battesimo, un Signore, una fede. Parlate col Signore e andate avanti. Non è un farsi giustizia, ma un fare giusti. Papa Francesco, ha detto il cardinale, avrebbe dovuto semplicemente informare la delegazione tedesca sul fatto che il Codice di Diritto Canonico e il Catechismo della Chiesa Cattolica parlano chiaro.

La portata simbolica del viaggio pontificio è stata spiegata dal teologo e pastore valdese Paolo Ricca: La mia impressione è che lui, in un modo che non http: Dobbiamo anteporre la misericordia al giudizio e, comunque, il giudizio di Dio sarà sempre fatto alla luce della sua misericordia. Ovviamente la misericordia di Dio non nega la giustizia, perché Gesù ha preso su di Sé le conseguenze del nostro peccato insieme al dovuto castigo. La Chiesa non era proprio un modello da imitare: E per questo lui ha protestato.

Poi era intelligente, e ha fatto un passo avanti giustificando il perché faceva questo. È quanto ha fatto capire a Caserta, ai membri della Chiesa Pentecostale della Riconciliazione, nella sua visita del 28 luglio Questa è uniformità. E lo Spirito Santo non fa uniformità! Che figura possiamo trovare? Pensiamo al poliedro: Infatti, nello stesso incontro con i pentecostali, ha dichiarato: Per esempio, Pedro Tarquis, membro del comitato per la celebrazione dei anni della Riforma in Spagna, ha dichiarato a Religión Digital: Alla domanda sulla possibilità di una comunione senza essere assorbiti, Tarquis ha risposto: La Parola di Dio è una realtà dinamica, sempre viva, che progredisce e cresce perché è tesa verso un compimento che gli uomini non possono fermare.

E conclude: Papa Innocenzo III esigette che gli eretici valdesi affermassero la sua legittimità come condizione per Perché in realtà la sola cosa giusta è la pace. Nessuna guerra è giusta. Tali dichiarazioni sono in contrasto con il n. Dunque, la verità è una relazione! Consapevole della connotazione relativista del suo pensiero, il Papa si è affrettato a precisare: Al contrario, ognuno coglierebbe la verità esclusivamente a partire dalla sua situazione e dalla sua storia personali, facendola diventare variabile e soggettiva, malgrado quello che Papa Francesco afferma. La tendenza del pontefice al relativismo rimane ancora più chiara dati gli appelli finali di sapore hegeliano: Come si risolve una tensione?

Su un piano superiore. Questo è Hegel, il filosofo tedesco Hegel fa la sintesi. Studiate questo e avrete la verità, la verità! La verità non entra in una enciclopedia. La verità è un incontro; è un incontro con la Somma verità: Gesù, la grande verità. Nessuno è padrone della verità. Perché la vita è sempre in tensione, non sta nella sintesi. La sintesi non è veramente vitale. Papa Francesco non solo predica la necessità del dialogo ma la pratica. Apprezzamento che lo stesso Scalfari ha confermato: E la verità? Dominique Wolton, Politique et société: Per il prof.

Sia chiaro che tale relazione non va intesa in senso tomista come adaequatio rei et intellectus, ma come relazione vitalistica e pragmatica che deriva da una situazione. Una nuova morale soggettiva senza imperativi assoluti Dichiarazioni e gesti pubblici del Pontefice e dei suoi collaboratori più prossimi rivelano un drastico cambiamento di paradigma in campo morale. Si fa un grande uso di espressioni ambigue, che lasciano nella gente comune una confusa impressione che la Chiesa si starebbe aprendo alle rivendicazioni della rivoluzione sessuale. Il relativismo filosofico e il primato della praxis sfociano inevitabilmente nel relativismo etico, secondo cui non esistono assoluti morali.

A Eugenio Scalfari, che gli ha domandato: E chi la stabilisce? E poi ha aggiunto: Questa relativizzazione degli assoluti morali ha trovato accoglienza nella controversa esortazione apostolica Amoris laetitia, che sarà oggetto di analisi più approfondita in un altro capitolo. Il 5 agosto , sulla rivista teologica tedesca AEMAET, il professore Josef Seifert ha pubblicato un articolo con il titolo posto in forma di domanda: Bruch oder Aufbruch?

Rottura o inizio di un cammino? La stessa idea di cambiamento di paradigma si trovava anche nel libro Amoris laetitia - Wendepunkt für die Moraltheologie? Una svolta per la Teologia Morale? A suo parere, sei criteri fondano il nuovo paradigma. Frasi sciolte e gesti simbolici che nella pratica relativizzano i precetti morali Questo relativismo morale viene confermato da gesti altamente simbolici. A una giornalista che, evocando gli ampiamente documentati scandali morali omosessuali che hanno avuto per protagonista Mons.

Ma se una persona, laica o prete o suora, ha fatto un peccato e poi si è convertito, il Signore perdona, e quando il Signore perdona, il Signore dimentica. Si scrive tanto della lobby gay. Dicono che ce ne sono. Se una persona è gay e cerca il Signore e ha buona volontà, ma chi sono io per giudicarla? Sviando la risposta dai rapporti omosessuali peccaminosi, oggetto della domanda, alla tendenza omosessuale, eventualmente involontaria, il Papa, nel suo linguaggio impreciso, ha fatto capire non soltanto che non giudicava le persone con questa tendenza, ma neppure gli stessi rapporti omosessuali.

I due sono stati cordialmente abbracciati davanti alle telecamere. Il capo del partito spagnolo di estrema sinistra Podemos, Pablo Iglesias, ha immediatamente pubblicato la fotohttp: Bettel ha risposto subito con un altro twitter: Un esempio sconcertante sono state le dichiarazioni di Suor Martha Pelloni, religiosa argentina della Congregazione delle Carmelitane Missionarie Teresiane, professoressa e fondatrice di organizzazioni di aiuto ai contadini. Vincenzo Paglia - di un insolito manuale di educazione sessuale, postato on line in varie lingue e a disposizione dei partecipanti della Giornata Mondiale della Gioventù a Cracovia. I movimenti che lottano contro i programmi edonisti di educazione sessuale promossi dagli organismi internazionali e dalla lobby pro aborto sono giustamente rimasti scandalizzati dal suo carattere sensuale e graficamente esplicito La mia reazione professionale immediata è stata che questo approccio osceno o pornografico abusa dei giovani psicologicamente e spiritualmente.

Gilfredo Marengo. È la natura delle cose. Diciamo le cose come stanno: Ecco il termine preciso. Capisce che la nostra società è cambiata molto nelle ultime due generazioni. Adesso abbiamo ogni sorta di configurazione familiare, sia che si tratti della tradizionale famiglia composta da mamma e papà, o della mamma single o del papà single, o di una coppia omosessuale che alleva bambini, o di persone in seconde nozze.

A causa delle proteste del movimento Lumen Fidei, questo stralcio di video è stato censurato dagli organizzatori Di fatto, Padre Martin da decenni è impegnato nello sforzo di far accettare alla Chiesa la comunità omosessuale e il suo stile di vita. Autore del libro Costruire un ponte: Verso la benedizione liturgica delle unioni omosessuali? Le azioni dirette di Papa Francesco e della Santa Sede si sommano al silenzio del Vaticano in relazione alle iniziative per far accettare le unioni omosessuali alla Chiesa, come le dichiarazioni del Cardinale Reinhard Marx, presidente della Conferenza episcopale tedesca e membro del ristretto circolo di assessori del Papa per la riforma della Curia, conosciuto come G9.

In una intervista per la radio pubblica della Baviera, interrogato a proposito della proposta di una cerimonia di benedizione in chiesa di coppie omosessuali, il prelato tedesco ha affermato: Qui non vedo nessun problema. Una questione del tutto diversa è come farlo pubblicamente e nella liturgia. E ha ripetuto: Non sarebbe nemmeno giusto, penso. Per grandi teologici e pensatori cattolici, si tratta di una rottura nella diga di tutta la teologia morale. Quattro cardinali hanno sollevato rispettosamente alcuni dubia sul tema, ma il Papa non ha mai risposto. Decine e decine di vescovi, sacerdoti, religiosi, teologi e laici hanno preso pubblica posizione in difesa della dottrina cattolica tradizionale, costituendo un fronte di resistenza come non si era mai visto negli ultimi secoli di storia della Chiesa.

La Chiesa possiede la disciplina multisecolare di negare alle persone Per potersi comunicare, debbono pentirsi dei loro peccati e correggere la loro situazione. Per lo stesso motivo non possono esercitare certe responsabilità ecclesiali. I loro cappellani dicevano che se queste persone si ritenevano libere, in coscienza, dal primo vincolo matrimoniale, potevano ricevere la comunione, anche senza avere ottenuto una dichiarazione di nullità.

Per un riassunto di questi fatti, cfr. Theological Studies 57 , http: Questa lettera pastorale ebbe grande ripercussione data la fama dei firmatari: La lettera ribadiva categoricamente: La responsabilità per il fallimento del primo matrimonio deve essere oggetto di riconoscimento e di pentimento; 2. Tanti campioni, a volte, non fanno una squadra! Monday, 6 October La morte a Tijuana, e nel resto del Messico. Un messaggio in codice per la banda rivale per l'ultimo colpo dei killer assoldati dai narcotrafficanti in una delle capitali delle grande guerra della droga che sta travolgendo il Messico.

Una guerra che ha fatto tremila morti nel ed altrettanti nei primi otto mesi di quest'anno. Una vittima ogni due ore per le lotte fra clan, le ritorsioni, gli scontri con le forze dell'ordine ma anche per gli attacchi indiscriminati a civili, come quello avvenuto a Michoacan lo scorso 15 settembre, giorno dell'anniversario dell'indipendenza: I Narcos appaiono invincibili e sono capaci, come è successo questa settimana, di rubare perfino cinque piccoli velivoli dagli hangar dell'esercito. I cessa sono stati ritrovati ieri ma la sensazione di impotenza è forte. Il presidente conservatore Felipe Calderon ha presentato al Parlamento un piano che prevede nuovi interventi dei militari che si aggiungono ai Il governo federale spende in questa guerra sei miliardi di dollari all'anno ma i risultati non arrivano.

Eppure dei narcos si sa quasi tutto: Fino alla metà degli anni Novanta c'erano i colombiani, la coca arrivava dal cielo, in Messico restava quella per il consumo interno. Il business non è morto, ancora oggi il novanta per cento della cocaina che si sniffa negli Stati Uniti è colombiana. La droga oggi arriva dal mare, le navi restano al largo, viene scaricata su piccole imbarcazioni che arrivano facilmente sulle coste messicane, vicino ai centri di villeggiatura famosi in tutto il mondo: Un business gigantesco, più di 14 miliardi di dollari all'anno, gestito essenzialmente da sette grandi cartelli.

Le zone di influenza cambiano rapidamente, gli sconfinamenti provocano battaglie che possono durare anche diversi giorni. A Tijuana, principale porta d'accesso agli USA dalla costa ovest, i morti ammazzati dall'inizio dell'anno sono più di trecento. Comanda la famiglia Arellano Felix, l'esercito ha mandato duemila soldati, gli scontri a fuoco sono all'ordine del giorno ma poco cambia. Negli ultimi tempi i boss hanno investito molto sull'eroina, con un consistente aumento delle zone coltivate al punto che il Messico è diventato il sesto produttore mondiale, e hanno posto più attenzione al mercato europeo, grazie all'euro forte sul dollaro.

Hanno anche alzato il livello di scontro le forze di polizie: II proventi vengono riciclati in patria o all'estero; grattacieli nel centro di Monterrey, hotel di lusso nella penisola della Yucatan, svariate attività nelle capitali sudamericane, proprio come facevano i boss colombiani vent'anni fa. Anche a Washington si sono resi conto, con un po' di ritardo, che il vento stava girando. Il congresso USA ha varato un piano da un miliardo e mezzo di dollari in tre anni che dovrebbe aiutare gli sforzi del presidente Calderon. Ma fino a quando la domanda e i valori di mercato, al di là della frontiera, continueranno a crescere la guerra della droga resterà drammaticamente conficcata nel cuore del Messico.

Saturday, 20 September Bel paese? Torno in Italia, più o meno, una volta all'anno, per un mese e qualcosa di più. E poi torno di nuovo alla base. Cosa ho trovato questa volta? Molte cose ma su tutto l'immagine generale di un paese che fa fatica, che a volte sgomita, che spesso si deprime e che ogni tanto si illumina. Spiace e vi assicuro che non ho voglia di fare "quello che sta fuori e critica". E allora meglio mandare delle foto mentali, immagini che mi hanno colpito, carrellata senza ordine e parte. I militari, pochi e sostanzialmente inutili, per strada a Milano. Milano che torna al lavoro sempre più incazzata. I treni che costano tanto, l'Alitalia in crisi, i liberi professionisti che liberi proprio non sono perché è difficile esserlo se non arrivi a fine mese.

La riforma della scuola della Gelmini e Veltroni che guida la riscossa dell'opposizione dai caffè di New York. Le sprangate ad Abdoul, milanese ma troppo negro per farla franca. Un partito che non c'è più, altri che forse non ci saranno mai. Ma anche molto cinema. Impossibile, quando ti abitui a vederlo in lingua originale, sopportare il doppiaggio. E allora molta Italia. Ho visto torri grandi grandi, centri commerciali pieni pieni, nuovi Suv sfrecciare su strade piene di buche. Ma anche il favoloso mare della Sardegna, il suo entroterra e il suo cielo. Ho aspettato, assieme a un ragazzo albanese e una peruviana, per un'ora un tram che non arriva, perché in Brianza se usi i mezzi sei uno sfigato.

Ho faticato a trovare una biro nel centro di Milano, e guai a parlare di un internet point, e allora mi sono detto che Buenos Aires è molto più avanti. E poi gli amici di ieri, che lo sono ancora oggi. Ma anche molti che dal bel paese se ne vanno. A malincuore, ma se ne vanno. Perché con l'università non si vive, perché gli affitti son cari, perché il lavoro fisso è un miraggio.

Ho mangiato, come sempre ho mangiato bene e questo varrebbe da solo il viaggio. Assieme alle montagne e a tante altre cose, perchè fa sempre piacere tornare. Mi sono accorto che sono riuscito a non parlare del presidente del consiglio. Saturday, 16 August Chiuso momentaneamente per ferie. Evo Morales confermato presidente della Bolivia ma anche i governatori delle province ribelli passano la prova del referendum revocatorio. Non è un pareggio, già che l'opposizione perde la guida della regione di La Paz e di Cochabamba, ma neanche una grande vittoria per l'indio presidente.

Come Chavez nel , passa l'esame a metà del mandato ma se vuole andare avanti non deve commettere l'errore del venezuelano, che ha voluto spingere l'acceleratore sulla via socialista e ha perso nel referendum per il cambio della Costituzione l'anno scorso. Evo deve aprire al dialogo, far vedere alla comunità internazionale che è pronto a governare per tutto il paese nonostante le spinte autonomiste di Santa Cruz e delle altre regioni orientali. Non basta l'appoggio degli alleati sudamericani e della maggioranza degli indios perché ad Est ci sono soldi e poteri economici forti senza i quali la Bolivia non decolla.

Dialogare da vincitori è più facile, ma mettersi d'accordo senza mostrare cedimenti è compito difficile, da statista doc. Thursday, 7 August Come l'Argentina??? Come l'Argentina, come l'Argentina!!! Non è la prima volta che si paragona la situazione economica e sociale italiana con quella del paese sudamericano. Dove i risparmi di una vita vengono polverizzati, dove i salari vengono mangiati dall'inflazione, dove i figli che studiano non hanno la certezza di un futuro professionale adeguato, dove la precarizzazione del lavoro è norma, dove con mille euro non si arriva a fine mese. L'Italia, come l'Argentina degli anni Sessanta, ha conosciuto periodi di benessere e di stabilità, di risparmio sicuro, di banche in grado di concedere mutui agevolati senza tassi variabili, di operai con il figlio dottore.

L'Italia, come l'Argentina degli Novanta, ha creduto di essere arrivata ad un grado di prosperità tale da poter permettersi lussi difficili da sostenere, senza comprendere che i meccanismi della globalizzazione hanno reso il nostro paese poco competitivo, le nostre imprese lente e sussidiate incapaci di affrontare, se non chiedendo barriere protezionistiche difficili da giustificare col tempo, l'avanzata delle economie emergenti. Ma è in una cosa, a mio avviso, l'Italia si assomiglia fin troppo all'Argentina o viceversa: Un bel paragone è la situazione delle rispettive compagnie di bandiere, Alitalia e Aerolineas Argentinas: Silvio Berlusconi difende l'italianità della compagnia che i francesi avrebbero comprato.

Cristina Kirchner ha appena ripreso per conto dello Stato argentino la compagnia che fu svenduta prima e saccheggiata poi dagli spagnoli. La patria è salva ma nessuno sa se arriveranno a fine anno, soffocate da debiti e stipendi da pagare. Siamo oggi giorno già fin troppo simili all'Argentina e gli argentini sono fin troppo simili a noi, nel bene e nel male. Italia - Argentina. Thursday, 17 July Cristina perde, tradita dal suo vice!

Guardate bene questa faccia. Sofferta, in una posizione che non avrebbe mai pensato di dover sopportare, è il volto di Julio Cobos, vicepresidente argentino che questa notte, al termine di una maratonica sessione di 18 ore, ha definito con il suo voto la bocciatura dell'aumento delle tasse sulle esportazioni agricole, misura polemica che ha spaccato da 4 mesi il paesi, governo da una parte, campagne e buona parte dell'opinione pubblica dall'altra. Il gesto di Cobos è storico, è la prima volta che qualcuno dice di No alla Signora K. Il punto è che su questa questione la Kirchner ha perso parecchi alleati, governatori e parlamentari eletti nelle zone rurali dove intorno alla soia si muovono centinaia di città.

Potrebbe essere l'inizio della fine, la gente non perdona a Cristina l'arroganza. Mi ricorda la bocciatura al referendum costituzionale voluto da Chavez, con gli studenti a guidare l'opposizione. La decisione di Cobos è arrivata alle 4 e mezzo di notte, in diretta televisiva, con i sostenitori del governo in piazza protestando e i dirigenti degli agricoltori a festeggiare a 40 isolati di distanza.

Thursday, 3 July Libera! Ingrid Libera, sta bene parla per 15 minuti all'aeroporto militare di Bogotà, racconta nei minimi dettagli l'operazione dell'esercito. Sono in partenza per la Colombia, gli interrogativi su quello che è successo sono tanti, molte le domande sul futuro della ex sequestrata più famosa al mondo, questa notte prevale la gioia di vederla, e con lei altri 14 persone, finalmente libera. Se tutto è andato come dice Bogotà sarebbe un colpo maestro di Uribe e dei suoi uomini.

Roba che neanche il Mossad, ma dimostrazione che le Farc sono allo sbando, che si lasciano sfuggire sotto gli occhi l'ostaggio più pregiato. Ma potrebbe anche essere frutto di un accordo sottobanco, che regala la gloria al governo a cambio, forse, di una soluzione militare per una guerriglia destinata ad una sconfitta totale. Molti la vedono come candidata forte alle prossime presidenziali, la sua figura si è alzata durante il sequestro ma non è una bestemmia dire che è molto più popolare fuori che dalla Colombia che in patria. Ma è un simbolo, il simbolo della volontà di un paese di farla finita con una guerra assurda, ingiusta, crudele.

Tuesday, 1 July Turista extra UE? No grazie Per tornare sulla questione delle norme UE sull'immigrazione clandestina. Una piccola storia di un conoscente qui a Buenos Aires. Giornalista, trentenne, con un lavoro fisso e voglia di farsi un mese di vacanze in Europa, dove ha vissuto da giovane e ha diversi amici. Compra il biglietto e la compagnia aerea gli dice che per poter andare a fare il turista nel Vecchio Continente deve avere: Un'altra storia, che ho visto diverse volte sui telegiornali argentini. Giovane biologa, finisce l'università e i genitori le regalano un biglietto d'aero per visitare il Vecchio Continente.

Un mese con lo zaino in spalla e biglietti low coast comprati con largo anticipo. Arrivata all'aeroporto di Barajas la Guardia Civil spagnola la blocca per chiderle dove si fermerà a Madrid. Lei non ha prenotato l'ostello, spiega, perché nella maggior parte degli ostelli non si prenota, si va e si prende posto. Gli arguti poliziotti non le credono. La sventurata rimane per 4 giorni 4 chiusa in una stanzetta con bagno dell'aeroporto, osservata a vista e senza passaporto, fino a quando si libera un posto nel volo di ritorno.

Ha perso le vacanze, i soldi, e giura che in Europa non ci rimetterà più piede! Mi chiedo: Se, come ha minacciato Lula, l'America Latina applicasse la legge della reciprocità, quello che fai a me io lo faccio a te , pochi europei sarebbero in grado di buttarsi in vacanze latino - americane. Quasi nessuno potrebbe venire a passare qualche mese, come moltissimi stanno facendo soprattutto a Buenos Aires, senza fissa dimora e approfittando del cambio favorevole. E poi, ribaltando la questione: Friday, 27 June Colombia, crescono le piantagioni di coca.

Pubblicata oggi la relazione annuale del programma delle Nazioni Unite sulle droghe, che mette alla luce un dato per certi aspetti inquietante. Per l'opposizione il dato sulle aree coltivate dimostra chiaramente che le risorse del Plan Colombia non servono, come dovrebbero, a sradicare le coltivazioni di coca ma a distruggere la guerriglia delle Farc, come effettivamente sta succedendo. Altro dato, su cui tutti concordano, è la crescita della domanda, aumentata soprattutto in Europa e la forza commerciale dei narcos messicani, i veri padroni della droga che si vende negli Stati Uniti.

Saturday, 21 June Argentina: Lontano, ma neanche troppo dalla capitale una cartina geografica perforata da più di trecento blocchi stradali che rendono praticamente impossibile il movimento di persone, merci, camion, autobus. Quella che potrebbe essere una normale, anche se complicata, vertenza di categoria è diventata la questione nazionale per eccellenza. Dopo diversi tentativi andati male, il dialogo fra le parti si è interrotto, negli ultimi giorni la situazione precipita. Sabato scorso uno dei leader della protesta, Alfredo de Angeli, viene prelevato e portato via per un paio di ore dalla polizia, che ha dovuto poi liberarlo per evitare una vera e propria ribellione popolare.

Il giorno dopo, ancora a reti unificate, presenzia una manifestazione nella piazza di maggio, organizzata dal partito peronista, guidato dal marito ed ex presidente Nestor. Davanti a lei le bandiere dei sindacati, gli stendardi dei popolosi e poveri municipi della periferia di Buenos Aires, qualche foto di Evita. Un ragazzo di 21 anni di Tucuman è morto accidentalmente quando gli è caduto in testa un lampione di ferro di dieci chili. La sua non era una scelta politica; si era fatto 15 ore di autobus a cambio di un compenso di cento pesos, poco meno di 20 euro.

Dal palco allestito davanti alla Casa Rosada, la signora Kirchner carica ancora una volta contro i leader degli agricoltori. Stanno danneggiando la nostra democrazia. Cristina tiene duro ma in più di tre mesi di conflitto la sua immagine è caduta. La sua intransigenza non paga. Il matrimonio presidenziale è convinto che stanno cercando di destituirlo. A fianco del governo ci sono le organizzazioni dei famigliari delle vittime della dittatura. In ogni suo discorso Cristina Kirchner fa riferimenti agli anni del regime e ha paragonato più volte gli agricoltori con i settori oligarchici che appoggiarono il golpe del Il lungo sciopero delle campagne si sta facendo sentire nelle città.

In molti supermercati alcuni prodotti come latte, farina, pollo, uova sono razionati, la carne inizia a scarseggiare, le stazioni di servizio chiudono un giorno o due alla settimana. In tre mesi sono stati buttati trenta milioni di litri di latte, trecento milioni di tonnellate di soia sono bloccate nei container, i camion sono bloccati in fila e le consegne non arrivano. Nello stallo, nessuno ci guadagna.

Ora la parola passa al Parlamento. Sulla carta il governo dovrebbe farcela ma molti deputati eletti nelle zone rurali già iniziano a defilarsi. Tuesday, 17 June Cristina prende tempo. Cristina Kirchner tiene duro, prende tempo, fa un ghigno ma non molla. Centinaia di blocchi stradali, più di tre mesi di protesta in quasi tutte le province, qualche momento di tensione, pentole e coperchi di nuovo in piazza, i peronisti compatti ma neanche troppo dietro alla granitica signora Kappa.

In messaggio a reti unificate CFK annuncia che invierà un progetto di legge al Parlamento sulla spinosa questione dell'aumento della pressione fiscale per gli esportatori di soia. Un braccio di ferro a tratti tedioso e che ha mostrato un paese spezzato in due con la popolarità della presidente in caduta libera e con l'ex marito Nestor disposto l'ha fatto sabato a scendere in piazza con campioni di kick boxing a fargli da bodyguard per difendere il governo della già di per sè combattiva consorte. Il braccio di ferro continua, anche perchè il parlamento è ad ampia maggioranza governativa.

Cristina sarà capace di mediare, cederà o andrà avanti per la sua strada. Il "campo" accetterà la nuova legge? Suoneranno ancora le pentole? L'impressione, per chi come me viva da tempo a Buenos Aires è di transitare in un paese con tanto passato, presente burrascoso, poco futuro Saturday, 14 June La statua del Che. Quella che vedete sopra è la statua di Ernesto Che Guevara, quattro metri, fatta con tre tonnellate e mezzo di bronzo fuso da 13mila chiave donate da aficionados in tutto il mondo.

L'idea è argentina, l'hanno portata in giro un pomeriggio per il centro di Buenos Aires, caricata su una nave che ha risalito il rio Paranà e l'hanno messa oggi in una piazza a lui intitolata a Rosario, dove nacque 80 anni fa, il 14 giugno del Anniversari, ricorrenze, onori postumi specie in Argentina dove al Che per molti anni non se lo sono filato molto.. In questi giorni ho intervistato per uno speciale Skytg dei giovani universitari di Baires. Una ragazza candidamente mi ha detto. Mica come Fidel Castro che fa durare una rivoluzione 50 anni". Altri si lamentavano per il marketing del Che, profumi, magliette, dischi, film.

E come lui, romanticismi a parte, non ce ne sono molti altri in circolazione Che Guevara. Evo Morales manda una lettera all'Unione Europea. Protesta contro la nuova direttiva sull'immigrazione clandestina, i 18 mesi di arresto, i provvedimenti d'espulsione. Sono centinaia di migliaia i sudamericani che si trovano attualmente in Europa senza permesso di soggiorno. A Madrid, Parigi, Roma, Barcellona, Milano, Bergamo, Berlino, lavorano, producono, si arrangiano come possono nella morsa sempre più rigida delle maglie migratorie della "nuova Europa". Sono i camerieri, le badanti, le collaboratrici domestiche, i giardinieri, i muratori, gli autisti. Mandano rimesse a casa, come fino a non tanti anni fa facevano i nostri nonni o bisnonni.

Morales piace tanto alla sinistra europea, sono proprio curioso di capire quale sarà la risposta, se ce ne sarà una, alla sua lettera piena di giusta indignazione. Thursday, 5 June Ciao Boca Il Boca perde e lascia la Coppa Libertadores. Uno a tre nel Maracanà con il Fluminense, partita tesissima, non è bastato il genio di Riquelme un po' sottotono nè la promessa Palacio nè il fortunato e roccioso Palermo.

Quelli del Flu, stadio pieno e un tifosissimo Chico Buarque in platea, non ci possono credere: Qui a Baires ci si prepara per gli europei, i mondiali senza Argentina e Brasile, e anche quest'anno ci saranno spaghettate italiane, che due anni fa portarono molto bene In appena sei mesi di mandato la popolarità della signora K, succeduta nel dicembre scorso al marito Nestor, è scesa notevolmente, erosa dal lungo conflitto ancora in corso con i produttori rurali e dai primi segnali in controtendenza rispetto alla ripresa economica degli ultimi anni.

Quasi come fosse una partita a distanza fra le piazze, il governo celebrerà la ricorrenza nella città settentrionale di Salta. Una guerra non ideologica ma di numeri: La povertà aumenta: Ora sono tornati. Altre fronte caldo è quello con la stampa. Le turbolenze politiche ripercuotono sul settore finanziario. Gli amici si vedono al momento del bisogno. Hijo de inmigrantes rusos casado en Argentina con una pintora judía, se casa por segunda vez con una princesa africana en Méjico.

Cebras africanas y canguros australianos en el zoológico de Londres. Momias egipcias y artefactos incas en el Museo de Nueva York. Linternas japonesas y chicles americanos en los bazares coreanos de San Pablo. Armenios naturalizados en Chile buscan a sus familiares en Etiopía. Casas prefabricadas canadienses hechas con madera colombiana. Multinacionales japonesas instalan empresas en Hong-Kong y producen con materia prima brasilera para competir en el mercado americano. Literatura griega adaptada para niños chinos de la Comunidad Europea.

Pilas americanas alimentan electrodomésticos ingleses en Nueva Guinea. Pizza italiana alimenta italianos en Italia. Niños iraquíes huídos de la guerra no obtienen visa en el consulado americano de Egipto para entrar en Disneylandia. Child of Russian immigrants who got married in Argentina to a Jewish painter, married for the second timeTo an African princess in Mexico. Hindu music contrabanded by Polish gypsies is a hit in the interior of Bolivia.

African zebras and Australian kangaroos in the London Zoo. Egyptian mummies and Incan artifacts in a New York museum. Images of a volcano in the Philippines are shown on a television network in Mozambique. Naturalized Armenians in Chile look for relatives in Ethiopia. Canadian pre-fabricated houses made with Colombian wood. Japanese multinationals establish businesses in Hong Kong and manufacture with raw materials from Brazil to compete in the American market. Greek literature adapted for Chinese children in the European community.

Swiss watches counterfeited in Paraguay sold by peddlers in a Mexican neighborhood of Los Angeles. A French tourist photographed semi-nude with an Arab boyfriend in the Baixada Fluminese. Italian films dubbed in English with Spanish subtitles in Turkish movie theatres. American batteries feed English household appliances in New Guinea. Arab gasoline feeds American cars in South Africa.

Italian pizza feeds Italians in Italy. Figlio di immigrati russi, sposato in Argentina con una pittrice ebrea si sposa in seconde nozze con principessa africana in Messico. Musica indù, passata di contrabbando da gitani polacchi diventa un hit di successo nelle campagne boliviane. Zebre africane e canguri australiani nello zoo di Londra. Mummie egiziane e oggetti Inca nel Museo di New York. Lanterne giapponesi e cicche americane nei bazar coreani di San Paolo. Immagini del vulcano delle Filippine passano sugli schermi della televisione del Mozambico. Armeni naturalizzati in Cile cercano famiglia in Etiopia. Case prefabbricate canadesi fatte con legno colombiano. Multinazionali giapponesi si installano in Hong Kong per produrre con materie prime brasiliane e vogliono competere nel mercato americano.

Letteratura greca adattata per bambini cinesi che vivono nell'Unione Europea. Orologi svizzeri falsificati in Paraguay, venduti da cammelli nel quartiere messicano di Los Angeles. Turista francese fotografata seminuda con il suo ragazzo arabo a Madrid. Pile americane in elettrodomestici inglesi nella Nuova Guinea.

Benzina araba nelle auto americane in Sudafrica. Pizza italiana che nutre italiani in Italia. Bambini iracheni che scappano dalla guerra ma non ricevono il visto nel consolato americano in Egitto per poter entrare a Disney World. Arnaldo Antunes - Jorge Drexler. Tuesday, 20 May Piove piove, sul nostro amore Ni una gota, nada, dia tras dia, levanta la persiana y se cruza con el mismo escenario.

Sol, un sol alto, fuerte y fuera de temporada. La luz calida y impertinente, que se queda demasiado tiempo haciendo la felicidad de "grandi e piccini". Haria, si pudiese, una danza de la lluvia. O de la nieve, o de los rayos, ayy los rayos, como noche de verano al faro. Quiere que venga el frio para estar acovachado, para salir solo para el necesario ocio, para saborear la felicidad en una caja china. Si sigue asi - piensa con cara seria y ojos de nene enojado - preparo las maletas para el finis terrae.

Tropicalismo, adieu! Scudetto meritatissimo, il terzo consecutivo ma sicuramente il migliore. La squadra più sudamericana, più argentina, la mia squadra da sempre. Poi con il Milan fuori dalla Champions, c'è ancora più soddisfazione Monday, 12 May Scommesse forti. Nello stesso giorno Evo Morales e Hugo Chavez annunciano due decisioni forti. Il primo fissa la data del prossimo referendum revocatorio sul suo mandato e quello dei nove governatori boliviani, compresi quelli della parte orientale che vogliono autonomia in rotta con La Paz. Chavez, invece, annuncia tutto orgoglioso la nazionalizzazione di Sidor, impresa del gruppo italo-argentino Techint, che passo allo Stato socialista senza che sia stato trovato ancora un accordo sul compenso -indennizzo da pagare ai proprietari.

I due presidenti scommettono forte, Venezuela e Bolivia, che pure sono paesi con storia e tradizioni distinte fra loro, hanno in comune una cosa; la spaccatura radicale fra chi sta con il governo e chi con l'opposizione. Non c'è dialogo, non c'è via di mezzo e la situazione sociale ed economica non va certo a gonfie vele. Qualcosa di simile sta accadendo in Argentina, dove i produttori rurali sono pronti ad una nuova offensiva contro la presidente Cristina Kirchner. Qualcosa di simile in Cile, con la destra pronta a far ogni possibile sgambetto a Michelle Bachelet. L'America Latina non è in subbuglio, ma segnali di forti crisi a venire non mancano. E l'economia, con la crisi per l'aumento anche qui dei prezzi delle materie prime, non promette nulla di buono Fernando Lugo ha vinto.

Dieci punti di differenza sul Partido Colorado, che lascia il potere dopo 61 anni, 35 dei quali appoggiando e legittimando una sanguinaria dittatura. L'ex vescovo di San Pedro sorride, vince, promette una nuova epoca per un paese piccolo, famoso per la povertà strutturale e la corruzione dilagante. L'ho incontrato dieci giorni fa ad Asuncion, nel rush finale della campagna. Sandali da francescano, modi gentili, deciso ma pacifico, discorso sul palco duro ma con il tono rilassato e convincente di un sermone. La sua vittoria fa cadere il penultimo governo di centordestra del Sudamerica. Rimane il colombiano Uribe, fermo al comando. Suerte al Paraguay! Spuntano due persone che hanno già pronto per lei il biglietto aereo per Madrid, una borsa con euro per passare la dogana e il passaporto con il visto.

Florencia L. La tratta delle bianche è un fenomeno in forte crescita in Sudamerica, con epicentro nella zona della triplice frontiera fra Argentina, Brasile e Paraguay.

Gente, fatti e fantasie: El faro de la impronta italiana ilumina el cielo de Buenos Aires

KEY WORDS: Italian emigration in Argentina, Ley de defensa social, Law and literature. Chi toma mate e casino incominciò. 1 J. Hernández, El Gaucho Martín Fierro, Buenos Aires , vv. .. es, con más razón, despoblar? ” Bienal Internacional de Arquitectura de Buenos Aires; Arq. Jorge Hampton y Arq. Horacio . That great social art historian, Arnold Haus- determinación como persona y su razón de casinos, corporate images of multinational com-. Di passaggio per Buenos Aires nell inverno australe del , Reyner Banham ha de- è un casino, aspetti solo di conoscere Buenos Aires!, in Banham, Reyner, Ineficiencia e inequidad en las condiciones sociales de acceso a servicios de la serie di elaborazioni per il quotidiano La Razón, o, ancora, il posteriore. espacio tanto en la esfera de la producción social de imaginario como en los ambientes jurídicos y políficos. la Ley en la provincia de Buenos Aires para que el gobierno expropie los .. Por esta razón, encontrar una . servizi del Casinò di Montevideo sono gestiti da cooperative che si dedicano. Buenos Aires Province. Haedo. Argentina · Buenos Aires Province .. Casa Entera 3 ambientes Villa Lynch (Buenos Aires). Prezzo10€ per notte. 1 recensione1. [ Buenos Aires City / Good Winds / Buon Aria ]. Baires Ristorante Argentino. More from Baires Ristorante Argentino · [ Argentinidad ]. Baires Ristorante Argentino. L'antagonismo: la barbarie dell'entroterra, il mito di Buenos Aires, il mito d'Europa . III.1 Sconvolgimento e riorganizzazione dell'immaginario sociale “ Todo lo pasamos por la razón ordenadora que reduce la maraňa de contradicciones fundar un casino flotante que anduviera por el río Paraná entre Buenos.

Toplists